« Fare il formaggio in casa: dove trovare il caglio (e tutto il resto) | Principale | Pane azimo speziato »

Commenti

Feed Puoi seguire questa conversazione iscrivendoti al feed dei commenti a questo post.

chabb

Che meraviglia il Philadelphia, mannaggia sono ancora alla disperata ricerca del caglio, ma non mollo!!
Bravissima.

duebroccoleincucina

a casa mia il philadelphia va via come niente, quindi mi farebbe comodo imparare a farlo, ma fin'ora la mia sola produzione di formaggio casalingo è stata quella del Paneer e lo yogurt che ultimamente faccio in continuazione. Ho letto nell'altro post che congeli il siero in porzioni, ma poi lo utilizzi al posto del caglio? Non si può utilizzare il siero al momento per farci una ricottina? scusa la mia ignoranza, la il mondo formaggioso a me completamente sconosciuto :P e vorrei imparare perché mi piace e mi interessa tantissimo
bacioni e buon fine settimana
Fiorella

Lacerba

@ chabb: coraggio, non mollare! prova in una zona un po' campagnina, tipo dove vedi cascine...
Io intanto o in lievitazione le tue ciambelline morbidose e mandano un profumo!!! :-)

@ fiorella: si, il siero lo congelo, ma si utilizza al posto dello yogurt, il caglio ci vuole sempre lo stesso. Ci puoi fare anche una ricottina, ma avrei dovuto avere anche dell'altro latte per farla e così ho lasciato perdere, ma prometto un post a breve anche su come fare la ricotta

Andrea

deve essere buona, io produco il pecorino e il vaccino a casa, e dal siero ottengo la ricotta.
ciao

Marco

ciao sapresti precisare pe favore le quantita' o proporzioni di latte, siero, caglio? grazie

I commenti per questa nota sono chiusi.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

SPECIALE GAMBERI E MAZZANCOLLE

  • GAMBERI

LA RACCOLTA

  • conserve
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...